Nonostante la birra vada bevuta senza pensieri ci sono dei momenti in cui bisogna essere seri. Degustare una birra è un momento importante e che può regalare sensazioni profonde ai nostri sensi. Ecco perché prima di fiondarsi sul proprio boccale preferito, è importante concedersi qualche minuto per studiare la degustazione la birra. In questo modo è possibile valorizzare maggiormente il prodotto, soprattutto se si tratta di una birra artigianale.

Le tre componenti per degustare la birra si basano sull’analisi visiva, olfattiva e gustativa. Ovviamente non è il caso, al pub con gli amici, di cimentarsi in una degustazione professionale e più rigorosa. Questo tipo di analisi comprende una conoscenza della marca scelta, delle annate… insomma un tema da seguire prima ancora di assaggiare la birra.

Degustare birra non significa solo cimentarsi nella valorizzazione di un prodotto, ma rappresenta anche un interessante momento di condivisione sociale in cui, tra l’esperto e gli allievi si condividono sensazioni ed esperienze.

L’esame visivo della birra

Si inizia la degustazione con gli occhi: colore, spuma e limpidezza sono i parametri che si vanno a valutare. Sarebbe importante, per questa ragione, avere un ambiente ben illuminato e con un fondo bianco, così da rendere l’esame visivo più agevole.

colori-della-birra-degustare

Per quanto riguarda il colore ne esiste una varietà quasi infinita e molto dipende dalla tostatura dei cereali. La classificazione viene effettuata in base all’Srm, cioè Standard Reference Method. Dal giallo paglierino delle Lager, all’ambrato di alcune Pale Ale fino alle più scure, le Stout e alcune Porter che sono quasi nere.

La limpidezza dipende ovviamente dal tipo di birra da analizzare. Le artigianali e non microfiltrate possono risultare più torbide e meno brillanti a causa della presenza ancora intatta dei lieviti. La spuma può essere compatta, cremosa o più evanescente con colori che vanno dal classico bianco all’ambrato. Nelle più scure può essere addirittura marrone.

L’esame olfattivo della birra

Prima di assaggiare la birra è il momento di valutarne il profumo. Quali sentori ci ricorda avvicinando le narici al bicchiere? Così come capita nella degustazione di vino, nel momento in cui si va a degustare una birra con l’analisi olfattiva si possono cogliere note floreali, speziate, erbacee, maltate, luppolate o fruttate.

L’intensità di queste sensazioni possono essere molto tenui e può essere anche difficili coglierle, soprattutto se si decide rendere la valutazione più approfondita. Per imparare a riconoscere i bouquet della birra servono anni di esperienza e certamente non basta qualche assaggio per potersi definire degli intenditori in materia.

L’esame al gusto: finalmente l’assaggio

A questo punto siamo pronti per degustare la birra. E’ importante avere la bocca pulita e non aver usato colluttorio o dentifrici troppo forti: potrebbero alterare la valutazione del prodotto. La International bitterness unit (Ibu) è un metodo riconosciuto a livello internazionale per classificare una birra in base alla sua amarezza.

Il tipico sapore amaro della birra, la cui intensità può essere molto variabile, dipende dal luppolo, uno degli ingredienti della birra dalle più sorprendenti proprietà nutritive ed antiossidanti. L’amaro può essere intenso come nel caso delle birre pilsner o più leggero come nelle Lager. Quando si procede a degustare una birra bisogna riconoscere se il prodotto è amaro, amarognolo, abboccato, amabile o dolce. In base a quanto tempo questa sensazione resta in bocca si andrà a dare una valutazione sulla persistenza del gusto nel palato, che potrà arrivare anche a diversi secondi.

Nocciola di Giffoni

Assaggia la Birra alla Nocciola di Arechi Birra

Attenzione al retrogusto: in genere la birra lascia un finale tutto da scoprire. Dalla leggerezza beverina della Lager ai sapori alcolici, fruttati o speziati di una buona trappista.

Arechi Birra propone interessanti birre dai gusti più che particolari. Troverete interessanti la birra preparata con la nocciola di Giffoni IGP (l’abbiamo chiamata Brigante Brutus) o con la buccia dei limoni della Costiera Amalfitana (dal nome Birra Flavio Gioia). Vieni a degustare la birra salernitana nel nostro store, potrai assaggiare i prodotti tipici della tradizione salernitana.